Insieme/Ensemble

(la version française se trouve dans la deuxième partie du billet)

Photo de S. Hildebrand

Lavorare insieme

In questo caso, tutto nasce da una domanda. Non la mia. La domanda viene da lei, da Cosetta, la coreografa e danzatrice.

E in fondo, in quanti altri modi si può innescare la filosofia? Perché ci sia la passione, il desiderio, l’amore per il pensare che la pratica filosofica porta fin nel suo nome, ci vuole una domanda: cerchi di trovare le parole giuste e di capire, perché senti che ne va di te. Solo così non è ripetizione di parole già dette, che scivolano sulla realtà e l’esperienza, o ti imprigionano dal di fuori.

La domanda di Cosetta era: mi spieghi meglio Hegel, la Fenomenologia, la dialettica servo signore? Mi serve per capire meglio la psicoanalisi e Lacan.

C’era una seconda domanda, nascosta dietro la prima, una traccia da seguire: con quali parole si può dire il desiderio e l’amore, come racapezzarsi nei tanti giri misteriosi che ci fanno fare, come dire quello che ostacola le buone relazioni, ad esempio durante una creazione, tra ballerine?

Ed io?

Anche io avevo una domanda, ma non lo sapevo. La possibilità di incontrare questa domanda e di formularla è il primo e più importante dono della nostra collaborazione.

Come si fa a praticare la filosofia, a scrivere, insegnare con piacere, e quindi con verità, in un modo che non spacchi a metà, che non scinda l’esperienza dalle parole, il pensare dal corpo – dalle viscere?

E da qui un’altra domanda: In che modo non si spacca l’aula? In che modo non la si fa a pezzi, come accade quando chi insegna si separa da chi apprende, dalle altre persone nell’aula, o come quando studenti e studentesse ingaggiano una competizione che distrugge la possibilità delle relazioni e di un apprendimento vero, che conti per ciascuna e ciascuno?

Una domanda esplicita della danzatrice, che ne nasconde una seconda più profonda, e va in cerca di uno scambio di capacità, conoscenze ed esperienze.

Una domanda non formulata, la mia, che prende forma quando la possibilità di quello scambio si manifesta e si materializza, nel corpo e nelle parole, via via che il lavoro comune procede, lo scambio diventa più intenso e aperto, meno protetto, più esposto.

Travailler ensemble


Dans ce cas, tout part d’une question. Pas la mienne. La question vient d’elle, de Cosetta, la chorégraphe et danseuse.
Après tout, de quelle manière la philosophie peut-elle être déclenchée ? Pour qu’il y ait la passion, l’amour que la pratique de la connaissance philosophique devrait porter en elle, jusque dans son nom, il faut qu’une question surgisse : on essaie de trouver les mots justes et de comprendre, parce qu’on sent que nous y sommes entièrement en jeu.
Ainsi, il n’y a pas répétition de mots déjà dits, qui glissent sur la réalité et l’expérience, ou nous emprisonnent de l’extérieur.
La question de Cosetta était : peux-tu mieux m’expliquer Hegel, la Phénoménologie, la dialectique maitre-esclave ? J’en ai besoin pour mieux comprendre la psychanalyse et Lacan.
Il y avait une deuxième question, cachée derrière la première, une trace à suivre : avec quels mots peut-on dire le désir et l’amour, comment s’orienter dans leurs nombreux détours, comment dire ce qui bloque et abime les bonnes relations, par exemple pendant une création, entre danseuses ?

Et moi, alors ?
Moi aussi, j’avais une question, mais je ne la connaissais pas. La possibilité de rencontrer cette question et de la formuler est le premier et le plus important don de notre collaboration.
Comment pratiquer la philosophie, écrire, enseigner avec plaisir et donc avec vérité, d’une manière qui ne sépare pas l’expérience des mots, la pensée du corps ?
D’où une autre question : comment ne pas diviser la classe ? Comment ne pas la briser, comme c’est le cas lorsque ceux ou celles qui enseignent se séparent de ceux et celles qui apprennent, des autres personnes présentes dans la classe, ou lorsque les élèves s’engagent dans une compétition qui détruit la possibilité des relations et d’un apprentissage véritable, qui compte pour chacune et chacun ?

Une question explicite de la danseuse qui en cache une deuxième, plus profonde, qui suscite un échange de compétences, de connaissances et d’expériences.
Une question non dite, la mienne, qui prend forme lorsque la possibilité de cet échange se manifeste et se matérialise, dans le corps et dans les mots, au fur et à mesure que le travail commun avance, l’échange devient plus intense et ouvert, moins protégé, plus exposé.

ho un impegno

C’è il sole, propongo a mio figlio di fare una passeggiata nel bosco…
Mi siedo e scrivo. 
Sono a disposizione, qui per dare valore alle intenzioni altrui, e per compiacermi.
Esigo da me qualcosa di interessabile.
Le condizioni di partenza sono, per semplicità, ideali, e sempre le stesse:
A rigore, o a riposo, non dovrei dire nulla,
eppure vivono, irrinunciabili, il desiderio e il bisogno di dire,
osservo e do libero corso alla creatività,
mi fido di quel che dirò.

Dopo, oltre e nonostante tutto, un sincero atto di presenza può proclamarsi opera.

Come possiamo, io e Irénée, produrre una testimonianza che sia utile e coerente con i macro obiettivi del progetto COESO?
Come possiamo mettere in valore il lavoro di Stefania e Cosetta?
Per quel che ho potuto comprendere, il progetto COESO vuole agevolare le dinamiche di scambio tra mondo della ricerca e società attiva. Per farlo ha bisogno di alcuni passaggi che testino in modo retroattivo dei casi reali.
Quindi fornisce degli strumenti e dei modelli di interazione nell’ambito dei quali le esperienze possono essere analizzate allo scopo di migliorare gli strumenti e i modelli stessi.

Per dare un vero contributo agli obiettivi di COESO dobbiamo produrre una testimonianza che dica qualcosa di significativo sullo scambio (il lavoro tra Cosetta e Stefania) che stiamo osservando. Dobbiamo, altresì, mettere in valore i risultati dello scambio stesso perché tanto più riuscito esso sarà, rispetto le aspettative delle protagoniste, tanto più rilevanti saranno, rispetto le attese di COESO, le dinamiche e il contenuto di interazione che quel risultato hanno prodotto.

Gli strumenti di analisi e scrittura su cui si baserà la testimonianza che scriveremo io e Irénée sono la fotografia, il video, la scrittura alfabetica, il design grafico e l’impaginazione che faranno da supporto alla disciplina principale cui è stata affidata la scrittura, la cinetografia LABAN. Da essa ci si aspetta un contributo originale, un valore aggiunto. Neppure quest’attesa possiamo tradire.

….
Osserviamo insieme, adesso, il materiale registrato in occasione della residenza di Wissous