La dimensione dell’osservatore

Siamo giunti a fine percorso.
Questo articolo fa seguito al primo, scritto all’inizio del mio impegno.
Mi sono molto speso da febbraio ad oggi, ho lavorato duro su me stesso, per gli altri e con gli altri.
Osservatore-catalizzatore, questo è il ruolo che ho ritagliato e ricoperto.

Volevo prima scrivere qualcosa per poi introdurre delle registrazioni audio dove discuto intorno al mio ruolo e al mio contributo.
Trovando difficoltà a scrivere ho deciso di registrare prima e di scrivere poi.

Ma dopo aver parlato ho ritenuto non più necessario scrivere.
Vi invito ad ascoltarmi. Io l’ho fatto.

ho un impegno

C’è il sole, propongo a mio figlio di fare una passeggiata nel bosco…
Mi siedo e scrivo. 
Sono a disposizione, qui per dare valore alle intenzioni altrui, e per compiacermi.
Esigo da me qualcosa di interessabile.
Le condizioni di partenza sono, per semplicità, ideali, e sempre le stesse:
A rigore, o a riposo, non dovrei dire nulla,
eppure vivono, irrinunciabili, il desiderio e il bisogno di dire,
osservo e do libero corso alla creatività,
mi fido di quel che dirò.

Dopo, oltre e nonostante tutto, un sincero atto di presenza può proclamarsi opera.

Come possiamo, io e Irénée, produrre una testimonianza che sia utile e coerente con i macro obiettivi del progetto COESO?
Come possiamo mettere in valore il lavoro di Stefania e Cosetta?
Per quel che ho potuto comprendere, il progetto COESO vuole agevolare le dinamiche di scambio tra mondo della ricerca e società attiva. Per farlo ha bisogno di alcuni passaggi che testino in modo retroattivo dei casi reali.
Quindi fornisce degli strumenti e dei modelli di interazione nell’ambito dei quali le esperienze possono essere analizzate allo scopo di migliorare gli strumenti e i modelli stessi.

Per dare un vero contributo agli obiettivi di COESO dobbiamo produrre una testimonianza che dica qualcosa di significativo sullo scambio (il lavoro tra Cosetta e Stefania) che stiamo osservando. Dobbiamo, altresì, mettere in valore i risultati dello scambio stesso perché tanto più riuscito esso sarà, rispetto le aspettative delle protagoniste, tanto più rilevanti saranno, rispetto le attese di COESO, le dinamiche e il contenuto di interazione che quel risultato hanno prodotto.

Gli strumenti di analisi e scrittura su cui si baserà la testimonianza che scriveremo io e Irénée sono la fotografia, il video, la scrittura alfabetica, il design grafico e l’impaginazione che faranno da supporto alla disciplina principale cui è stata affidata la scrittura, la cinetografia LABAN. Da essa ci si aspetta un contributo originale, un valore aggiunto. Neppure quest’attesa possiamo tradire.

….
Osserviamo insieme, adesso, il materiale registrato in occasione della residenza di Wissous